Ottava lezione di Magia. Piove sempre sul bagnato.

Prima del video…….

Appellandoci ai cartoni animati e alle favole per bambini, pensiamo alla tipica situazione, che poi tanto assurda non è, in cui il Mago aziona la sua bacchetta magica, pronunciando parole arcane, per trasformare un sasso in un coniglio.

Egli agisce con consapevolezza, determinazione, astuzia e convinzione. Prima ancora di iniziare ad agitare lo strumento sa già ciò che di per certo otterrà, senza dubbi ne indecisioni, ne si aspetta sorprese di alcun genere, conosce un’unica verità, quella che tra qualche istante avrà di fronte a se un coniglio.

Abbiamo imparato che l’immaginazione è la nostra arma, questa stupefacente facoltà potrebbe permetterci di fare miracoli nella nostra vita, ma le cose che ci prefiggiamo spesso non accadono, perché?

Perché non ci crediamo, perché ci sembra impossibile, e anche quando ci sforziamo di crederci fermamente, c’è sempre una vocina che dal nostro inconscio si fa sentire “Non ce la puoi fare!”.

Per questo occorre iniziare dalle piccole cose, quelle che possiamo ritenere più possibili, dobbiamo ingannare la mente per evitare che ci remi contro.

Ad esempio focalizzare la nostra attenzione sul fatto che, nella giornata di domani, riceveremo un piacevole invito, o che entro questa sera qualcuno ci offrirà un caffè, oppure che in qualche modo, entro la fine del mese, mi arriverà quella notizia che aspetto da tanto.

Mentre ci esprimiamo nella nostra creazione dobbiamo già vederla accadere, come se stesse accadendo in quel preciso istante,

così come il Mago fa con la sua bacchetta.

Dopo aver creato la visualizzazione, dobbiamo dar per certo che la cosa è già accaduta, si è già avverata, dobbiamo sentirlo dentro di noi, con la stessa determinazione del Mago delle favole,

il dopo non deve esistere, non dobbiamo pensarci più, non dobbiamo avere l’aspettativa, se abbiamo pensato che qualcuno ci avrebbe offerto un caffè, durante il giorno non dobbiamo portare l’attenzione sul controllo…(“Nessuno mi ha ancora offerto il caffè e sono già le 18”), dopo averlo dato per scontato non dobbiamo più pensarci, continuare a portare alla mente l’avvenimento è indice d’incertezza, di mancata fiducia.

La realtà non si può ingannare, essa legge dentro di noi, è inutile dirsi “Sono sicuro! sono certo che ce la posso fare!” quando nel nostro profondo, in tutta onestà, non ci crediamo davvero.

Se mi preoccupo di controllare che la cosa sia avvenuta significa che non ci credo abbastanza!

Lo so, è difficile, nelle nostre memorie cellulari c’è scritto che di fronte al destino siamo una nullità, che non possiamo decidere più di tanto della nostra vita e che esiste la sfortuna. Ma non dimentichiamo che la fisica quantistica ha dimostrato che il cervello umano non distingue la realtà dall’immaginazione, esso coglie ciò che noi gli mostriamo e si comporta di conseguenza, questa è una realtà incontestabile!

Se vogliamo evolvere dobbiamo trasmutare queste memorie, non dobbiamo demoralizzarci se all’inizio non riusciamo, un passo per volta, con dedizione, volontà e impegno, per insegnare al nostro cervello un nuovo paradigma, in fondo ne vale la pena!

Non vi siete mai chiesti perché piove sempre sul bagnato?

cioè perché spesso le persone che stanno bene stanno sempre meglio e quelle che ne hanno già visto di tutti i colori continuano ad essere nel centro del mirino?  sembra che l’Universo si sia accanito contro di loro, gliene capita di ogni sorta, non sanno più cosa fare, continuano a sperare e si ripetono che dopo la tempesta viene sempre il sereno, ma sto sereno è solo uno schiarimento effimero, poi cascano di nuovo nel grigiore più cupo.

Questo accade perché ciò che visualizziamo per noi accade, le persone del secondo gruppo non sono capaci di visualizzare il meglio per loro stesse, essendo sofferenti continuano ad autocommiserarsi per le loro sventure, ci pensano, ne parlano, continuano a riviverle, senza rendersi conto che così facendo perseguitano a riportarle nel proprio presente anche se in forme diverse.

Ve lo dice una che lo sa bene! tutto vissuto sulla mia pelle, io ero una di queste persone! ma ora so che doveva andare così, proprio perché il mio risveglio sarebbe servito ad altri, se una cosa non la provi non potrai mai mettere il cuore in ciò che predichi.

Fatevi un regalo! Non credete! Provate!

L’Universo siamo noi! è da noi stessi che dipende la nostra vita! Impariamo una buona volta che il pensiero è potente! che siamo noi stessi a creare il nostro presente nella vita terrena!

Quando ci capita qualcosa di inopportuno dovremmo si agire nel modo più giusto che possiamo, ma cerchiamo di pensarci sempre meno, sostituiamo il pensiero con qualcosa di meraviglioso che ci accadrà domani! Più ci sentiamo miseri e più lo saremo!

Ogni mattina, appena svegli diciamoci

“Io vibro d’Amore e solo Amore mi viene incontro!”,

poi facciamo la nostra piccola visualizzazione della giornata, è un bellissimo gioco, quando eravamo bambini facevamo questo in ogni momento, da soli, in compagnia, con l’amico immaginario o con un gioco con il quale parlavamo come se fosse stato vivo e ci potesse ascoltare.

Torniamo a nutrire un po’ di quella nostra fantasia, queste non sono stupidaggini, è la grande forza creativa che appartiene ad ognuno di noi e che si può manifestare quando lo vogliamo, semplicemente.

Crediamoci! Mettiamola alla prova!

Quando ci accorgeremo che funziona non smetteremo più di usarla!

Attenzione, scrivendo io uso i verbi corretti, ma quando facciamo le nostre visualizzazioni dobbiamo pensare sempre al presente, i “farò”, “mi accadrà” al futuro, presuppongono qualcosa che ancora si deve materializzare, è un errore, nell’attimo stesso del nostro intento, a livello energetico, la Magia è già avvenuta, considerando tale grandiosa opportunità, esprimiamoci sempre al presente, anche se nella lingua italiana la formula non è compresa, es:(Domani faccio…..domani mi accade questo….).

E’ importante avere la forza di non verificare, ricordiamoci che il Mago dà la cosa per certa, non analizza, non esamina, non controlla, agisce e basta.

Deve diventare una nostra abitudine, passo dopo passo ci accorgeremo che ciò che ci accade lo avevamo pensato magari l’altro ieri, ci chiama una persona che non sentivamo da tempo e ci viene in mente che l’abbiamo pensata guarda caso proprio l’altro giorno, incontriamo tutti i semafori rossi e ricordiamo di averlo presupposto proprio stamattina andando al lavoro, troviamo il parcheggio proprio sotto casa e ci colpisce il fatto che avevamo visualizzato di ritrovarlo libero quando lo abbiamo lasciato.

Lentamente si apriranno i veli che ci offuscano la vista e ciò che credevamo di noi comincerà a scrostarsi, cominceremo a conoscerci meglio, la consapevolezza di ciò che siamo, e che possiamo fare, aumenterà, e tutto ci apparirà incredibilmente nuovo e fantastico.

Una raccomandazione, non fate mai pensieri malsani su qualcuno, non avete idea di quanto possano colpire, anche quando sembrano trascurabili, quest’Energia negativa compie danni enormi, che tra l’altro tornano sempre indietro. Si guardi bene chi crea forze mentali avverse, pronuncia frasi di malaugurio o compie azioni offensive o di sopruso verso un altro essere, perché non sa ciò a cui si sta esponendo. Anche dopo aver lasciato il corpo pagheremo il nostro karma, l’abuso di potere si paga sempre, e, per quanto non ci si creda abbastanza, il nostro pensiero, le nostre parole, le nostre azioni possiedono un potere immenso.

 

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “Ottava lezione di Magia. Piove sempre sul bagnato.

  1. Grazie a te per l’attenzione. Puoi trovarmi su mail daniroy2011@gmail.com oppure su Messenger attraverso il mio Fb https://www.facebook.com/dani.martini.982, il blog è un corso di risveglio dall’addormentamento al quale siamo assuefatti, ti auguro che ti sia d’aiuto, se ti serve altro chiedi quando vuoi, nei miei limiti ti risponderò in base a ciò che ho imparato e che ha di sicuro migliorato notevolmente la mia vita terrena.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...